La malva di nonno Kekko

Pubblicato il da Giuliana Provenzale

Termine Botanico: MALVA SYLVESTRIS L.

La Malva, pianta spontanea appartenente alla famiglia delle Malvacee, è conosciuta fin dai tempi dei greci per le sue particolarità benefiche. Si trova ai bordi delle strade campestri, nei prati ma anche nei giardini. Mio padre la raccoglie nel suo campo alla vigilia di San Giovanni.

Simbolo della calma e della dolcezza, questa pianta era utilizzata già dagli antichi Greci. Con tisane, decotti ed infusi, si possono attenuare, se non risolvere, problemi come: tosse, faringiti, bronchiti, candidosi vaginale, migliorare il transito intestinale e combattere la stipsi.

INDICAZIONI: l’uso della Malva e’ indicato nei casi di :

stitichezza cronica : agisce come lassativo non irritante e non violento anche in dosi elevate. Consigliata a bambini ed anziani

affezioni respiratorie : antinfiammatoria per eccellenza, esplica tale effetto sia sulle prime vie respiratorie come valido espettorante ed antitosse, per catarro e tosse

malattie delle mucose e della pelle: applicata localmente contribuisce a guarire faringiti, vaginiti, eczemi, acne, foruncoli e in genere tutte le irritazioni superficiali.

CURIOSITA’:

  • Le virtù emollienti della malva sono conosciute ed apprezzate sin dai tempi antichi, infatti il nome Malva deriva dal termine latino “mollire” .

  • I Greci invece la chiamavano malachè , che significa “ rendere morbido”.

  • La malva, per le sue innumerevoli proprietà, nel 1500 era chiamata "omnimorba = rimedio per tutti i mali".

  • Nel linguaggio dei fiori nel linguaggio ottocentesco ha simboleggiato l'amore materno e la calma che ben si spiegano considerando le sue proprietà medicinali.

La malva contiene mucillagini, antociani, potassio, ossalato di calcio, vitamine e pectina.

Le sue proprietà sono: calmante, emolliente e lassativa.

PARTI UTILIZZATE DELLA PIANTA

Della malva si utilizzano i fiori, raccolti all'inizio della fioritura e le foglie più giovani. E' opportuno essiccarli all'aria ed al buio ma sono di difficile conservazione soprattutto i fiori in quanto diventano blu con l'essiccazione e si decolorano alla luce. Inserire all'interno del vasetto con la malva ben essiccata un peperoncino piccante intero per tenere lontani alcuni ospiti indesiderati.

giuliana.prov@gmail.com

La malva di nonno Kekko
La malva di nonno Kekko
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post